Libro Bianco sulla Comunicazione Ambientale, l’ambiente raccontato da un nuovo punto di vista

Il testo, curato da Sergio Vazzoler, partner Amapola e Stefano Martello, giornalista e comunicatore e pubblicato da Pacini Editore per la collana New Fabric, affronta il tema della comunicazione ambientale nella sua complessità, con un approccio metodologico multidisciplinare: dai processi di formazione e riconoscimento professionale alle dotazioni strumentali all’interno dei singoli ambiti applicativi.

Il libro si compone di 13 capitoli, curati da altrettanti autori, molti dei quali appartenenti al gruppo di lavoro dedicato alla comunicazione ambientale di Ferpi. Capitoli che indagano la comunicazione ambientale da diversi punti di vista, offrendo spunti di riflessione e strumenti operativi per affrontare la narrazione delle tante sfaccettature del tema ambientale, sperimentando una formula comunicativa in grado di trasmettere valori, obiettivi e prospettive. Un compito tuttaltro che semplice, poiché lambiente presenta molti aspetti contraddittori e di difficile traduzione che si scontrano con la complessità della realtà e della quotidianità.

Ma perché un libro “bianco”? Proprio perché il tema della comunicazione ambientale è inteso dagli autori come “in divenire” in cui ognuno di noi può e deve scrivere una pagina, un capitolo, un pezzo di storia.  “Il libro prova a mettere al centro del dibattito pubblico il tema ambientale e la relativa sfida comunicativa” afferma Sergio Vazzoler.Abbiamo voluto proporre un approccio nuovo alla materia, senza sfuggire alla complessità ma con la consapevolezza che il fattore culturale rappresenti un’opportunità straordinaria per incidere sui comportamenti di imprese, istituzioni e cittadini”.
La comunicazione ambientale deve riuscire a superare il bivio in cui si trova da troppo tempo e che sembra concepire soltanto due strade opposte, la rigidità ancorata ai dati scientifici e la banalizzazione mainstream” afferma Stefano Martello. “Esiste una terza strada che vede i diversi ambiti – produttivo, sociale, ambientale – come un arcipelago di isole i cui collegamenti vanno faticosamente costruiti”.

Tra i diversi contributi, quello di Gloria Milan, fondatrice di ICDLAB, ci offre una riflessione sul rapporto tra le PMI e la comunicazione ambientale, analizzandone lo stato dell’arte e le possibili e auspicabili prospettive future. Approfondiamo con lei, con qualche spunto di riflessione.
Possiamo dire che esiste un tema e un bisogno specifico di comunicazione ambientale per le PMI?
L’Agenda 2030 riconosce alle aziende, di qualsiasi dimensione e settore, un ruolo chiave e determinante per lo sviluppo sostenibile. In Italia le PMI rappresentano la spina dorsale del sistema produttivo. Sappiamo che la comunicazione è una leva strategica per competere all’interno del mercato e la comunicazione ambientale non sfugge a questa regola, in particolare oggi in un mondo in cui la produzione del valore è legata non solo a prodotto e servizio, ma anche alla gestione del capitale umano e naturale.
Ad oggi quanto e in che modo le PMI affrontano questa tematica?
Il panorama è piuttosto variegato. In generale l’intero settore delle PMI ha compreso l’importanza di considerare tematiche ambientali, ma esistono ad oggi una pluralità di approcci, senz’altro positivi, ma non tutti esaustivi, spesso riconducibili all’ambito operativo delle PMI come  ad esempio le filiere o l’innovazione.
Perché una PMI dovrebbe impegnarsi e prevedere un investimento maggiore in comunicazione ambientale?
Le PMI che si impegnano a fornire una comunicazione ambientale efficace e corretta ottengono vantaggi di natura economica e sociale, la sfida è allagare questa visione migliorando la cultura verso la sostenibilità.

Libro bianco sulla comunicazione ambientale
Stefano Martello, Sergio Vazzoler (a cura di)

Premessa di: Rossella Sobrero
Contributi di: Federica Bosello, Matteo Colle, Emilio Conti, Stefania Itolli, Stefano Martello, Alberto Marzetta, Roberto Mezzalama, Gloria Milan, Riccardo Parigi, Maria Grazia Persico, Paolo Silingardi, Marco Talluri, Sergio Vazzoler

Photo credits: Museo permanente, Lucio Beltrami, 2013

Per acquistare il volume: https://www.pacinieditore.it/prodotto/libro-bianco-comunicazione-ambientale/

 

 

Autore: Caterina Bonometto

Ultimi articoli
Enti territoriali e Agenda 2030 un binomio per lo sviluppo sostenibile

L’Italia è ancora lontana dalla sostenibilità economica, sociale e ambientale, ma sempre più regioni, provincie e città metropolitane guardano al futuro e pianificano le loro strategie usando l’Agenda 2030 dell’ONU. Lo si apprende dal nuovo Rapporto dell’ASviS “I...

LA COMUNICAZIONE AMBIENTALE, ANALISI DELLA NORMA ISO 14063

Lo sviluppo della sensibilità ai temi ambientali che negli ultimi vent’anni ha coinvolto l’opinione pubblica, ha spinto le organizzazioni a prestare sempre maggiore attenzione ai valori, alle azioni e alle prestazioni ambientali. Organizzazioni da un lato e opinione...